Progetto in terra cruda – Casa del Buon Pastore Ngaghe

Centro dedicato a ragazzi con disagi sociali da realizzarsi in Area rurale di Arusha, Tanzania

ISTITUTO NAZIONALE BIOARCHITETTURA
Condividi questo progetto

L’Istituto Nazionale di BioARchitettura (INBAR) con Mattone su Mattone Onlus, Ingegneria Senza Frontiere (ISF) di Genova e Lab.MAC, Dipartimento di Scienze per l’Architettura (Università di Genova) sta portando avanti un progetto di costruzione in terra cruda per un centro per ragazzi gestito della confraternita “Brothers of Jesus the Good Shepherd”, comunità religiosa promotrice del progetto. L’area designata per il centro, di proprietà della confraternita, é di circa 3 ettari e prevede una costruzione che è stata progettata per rispettare i principi della bio-architettura e i materiali naturali del luogo, sfruttando l’innovativo tipo di mattone di terra cruda ad incastro che nasce dalla pluriennale esperienza dell’associazione Mattone su Mattone ONLUS che, in collaborazione con l’Università di Torino, ha messo a punto una pressa manuale capace di ottenere mattoni in terra cruda dalle ottime caratteristiche strutturali e dal profilo unico. L’utilizzo di tale pressa sarà poi oggetto di studio e risorsa per la comunità poiché, ultimati i lavori, rimarrà in dotazione al centro. Sono state previste le seguenti strutture: dormitorio con 15 camere per i 60 ragazzi, 2 camere per i 2 educatori e 2 blocchi di servizi igienici e lavanderia; infermeria; refettorio con cucina e dispensa, per la preparazione dei pasti per gli ospiti del centro e per gli operatori interni; 3 aule dedicate alla didattica, ufficio e servizi igienici; 3 laboratori: di falegnameria, meccanico, elettrico; area ludica con biblioteca, videoteca, spazio artistico e ricreativo. Verranno delimitate anche due aree destinate alle attività di coltivazione e allevamento, a cui si potranno dedicare gli stessi ragazzi ospiti del centro. Il progetto contempla inoltre un impianto per la produzione di biogas, che sarà realizzato utilizzando materiali di edilizia locale e sfrutterà la matrice organica recuperata dagli orti e dalle stalle per produrre combustibile naturale da utilizzarsi in sostituzione del gas naturale o della legna; il biogas eccedente servirà per alimentare un gruppo elettrogeno e riuscire a produrre energia elettrica oltre a quella termica.

LINK PROGETTO:

Progetto Tanzania – Terra Cruda

REPORT – PROGETTO CASA DEL BUON PASTORE NGAGHE

REPORT – PROGETTO CASA DEL BUON PASTORE NGAGHE