Tutti per uno, uno per tutti: l’integrazione scolastica delle bambine Rett in un CLICK (4all)

Con l’aiuto di insegnanti e compagni e un nuovo dispositivo tecnologico le bambine con Sindrome di Rett imparano di più

AIRETT Associazione Italiana Rett
Condividi questo progetto

La Sindrome di Rett è una grave malattia neurologica, che colpisce quasi esclusivamente soggetti di sesso femminile. La malattia congenita interessa il sistema nervoso centrale ed è una delle cause più diffuse di deficit cognitivo. Si manifesta generalmente dopo i primi 6-18 mesi di vita con la perdita della motricità, delle capacità manuali, dell’interesse all’interazione sociale. La Rett è oggi riconosciuta come la seconda causa di ritardo mentale nelle bambine, con un’incidenza stimata di circa 1/10.000 nati femmina e registra all’incirca 2.500 casi in tutta Italia. Sebbene non esista una cura, si stima che sia potenzialmente reversibile. Come ogni altra forma di disabilità, la Sindrome di Rett causa diverse forme di esclusione sociale, data dalla difficoltà che le bambine hanno di comunicare con gli altri.

Il progetto TUTTI PER UNO, UNO PER TUTTI è uno studio di efficacia volto a incrementare il livello di integrazione scolastica e ad agevolare l’apprendimento di abilità motorie e cognitive delle bambine con sindrome di Rett, attraverso l’utilizzo, da parte dei compagni, di un uno strumento tecnologico innovativo, il “CLICK4ALL”. Si tratta di un dispositivo ideato e testato in diverse patologie, che permette di utilizzare materiale povero e “analogico” di diverso tipo per interagire con giochi informatici, suoni, luci, musiche, video, animazioni, robot educativi e potenzialmente tutti i tipi di applicazioni multimediali e digitali. Tale dispositivo permetterà alle bambine con Sindrome di Rett di partecipare alle attività scolastiche proposte e intraprendere un percorso di apprendimento personalizzato.

L’obiettivo è quello di migliorare il livello di integrazione scolastica delle bambine Rett, agevolando il potenziamento delle loro abilità motorie e cognitive, attraverso una strategia di inclusione scolastica e insegnamento tra pari.

AIRETT, insieme ad Associazione ASPHI, si occuperà della formazione degli insegnanti e dei compagni sulla patologia e sull’utilizzo del nuovo dispositivo tecnologico avanzato e del tutoraggio a distanza del percorso di apprendimento delle bambine Rett.

Saranno i bambini insieme all’insegnante di sostegno (con la supervisione telematica degli specialisti di Airett) a creare, giocare e insegnare alle bambine con disabilità attraverso questo nuovo strumento tecnologico.