fbpx
Andrea Bocelli Foundation

ABF Con Te, ricostruiamo l’istituto superiore di San Ginesio

0 VOTI
Condividi
  • 2
  •  
Cosa facciamo

Dopo la realizzazione della scuola media “G. Leopardi“ di Sarnano, del Polo Scolastico “E. De Amicis“ di Muccia e dell’Accademia della Musica “F. Corelli“ di Camerino, l’Andrea Bocelli Foundation ha dedicato un nuovo progetto alle Marche, per ricostruire l’IPSIA “R. FRAU” di Sarnano, nella sede di San Ginesio (MC) e che vedrà la realizzazione di un istituto progettato e sviluppato secondo le linee guida del team di esperti della Fondazione.

San Ginesio è un paese medioevale di 3.300 abitanti, dove il 95% degli edifici pubblici ed il 68% delle abitazioni private risulta inagibile. Prima del sisma l’IPSIA accoglieva oltre 150 studenti che poi si sono ridotti a poco meno della metà a causa della struttura provvisoria situata al 3° piano della Scuola Media dello stesso comune prima e a Passo San Ginesio, presso l’ex Centro di Aggregazione Giovanile poi.

Nella nuova scuola ci saranno spazi dedicati e attrezzati per i due percorsi di studio: Meccanica/ Elettronica/Automazione/Robotica/Informatica industriale e Legno/Arredamento/Design e Liuteria (in fase di sviluppo). Anche gli spazi di vita e socialità comuni quali l’ingresso e l’aula magna avranno un layout innovativo al fine di facilitare quello scambio e quella partecipazione di tutti all’ambiente interno ed esterno all’istituto.

Come per gli altri progetti di ricostruzione, la Fondazione ha creato un team multidisciplinare di professionisti, architetti, ingegneri, pedagogisti al fine di realizzare progetti di più ampio respiro, non solo a beneficio degli studenti ma per tutta la comunità; progetti che vanno oltre le mura e che possano ispirare interventi analoghi in altri luoghi, tutti allineati con il goal 4.7 dell’agenda 2030 delle Nazioni Uniti: “Education for sustainable development and global citizenship.

LE AZIONI DI ABF

ABF lavorerà a fianco del Commissario Straordinario per la Ricostruzione, per la realizzazione della nuova struttura che sarà poi donata “chiavi in mano” al Comune di San Ginesio: la Fondazione avrà il ruolo di progettista e project manager.

La nuova struttura sarà realizzata con tecniche di costruzione moderne ed antisismiche e potrà accogliere sino a 200 studenti che frequenteranno le 10 aule previste oltre a 800 mq di laboratori dedicati alle attività di meccanica/meccatronica e lavorazione del legno; la biblioteca e il laboratorio musicale saranno integrati e diffusi negli ampi spazi dell’agorà centrale. Saranno possibili anche lezioni all’aperto grazie ad uno spazio realizzato su un lastrico coperto.. Lì, gli allievi potranno usufruire di percorsi educativi come:

  • Meccanica, elettronica, robotica e informatica industriale.
  • Legno, design e liuteria.
  • Un nuovo indirizzo professionale in tecnico del suono sviluppato grazie alle competenze e metodologie ABF.

La struttura è dotata anche di una palestra di 400 mq con relativi spogliatoi che saranno utilizzabili anche da tutta la comunità ginesina. Su area contigua sarà inoltre realizzato un campo da calcio a 5.

L’intervento di ABF riguarderà la donazione della progettazione esecutiva e della direzione lavori sino al completamento dell’opera. Il team di ABF, successivamente, così come già avviene per gli istituti di Sarnano, Muccia e Camerino, continuerà ad essere presente nella realtà affiancando il personale didattico, gli studenti e la comunità.

La realizzazione sarà realizzata e completata con i fondi messi a disposizione dalla struttura Commissariale per il Terremoto del Centro Italia 2016, seguendo l’iter dettato dal codice degli appalti, sotto il controllo diretto dal team di professionisti di ABF.

IL CONTESTO

Il 24 agosto 2016 alle 3.36 un terremoto di magnitudo 6.0 colpisce il Centro Italia, interessando i territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Sono migliaia le persone coinvolte nell’evento che provoca 299 vittime, numerosi feriti e gravi danni sul territorio.

Il 26 e il 30 ottobre nuovi violenti terremoti interessano il Centro Italia, in particolare il confine tra Umbria e Marche. La scossa del 30 ottobre – di magnitudo 6.5 – è la più forte in Italia degli ultimi trent’anni: il numero delle persone fuori casa – così come i danni – cresce esponenzialmente, ma non si registrano vittime.

Cosa puoi fare tu

Partecipa anche tu al progetto di ricostruzione inviando un SMS al costo di 2 euro, chiamando da rete fissa al costo di 5 o 10 euro, oppure al link: https://www.andreabocellifoundation.org/it/progetti/ricostruzione-istituto-professionale-per-lindustria-e-lartigianato-di-san-ginesio/

 

Chi siamo

La Fondazione nasce per aiutare le persone in difficoltà a causa di malattie, condizioni di povertà e emarginazione sociale promuovendo e sostenendo progetti nazionali e internazionali che favoriscano il superamento di tali barriere e la piena espressione del proprio potenziale.

Video