Anti-rumours: prevenire il discorso d’odio!

Categoria: Educazione e istruzione
creato da ICEI - Istituto Cooperazione Economica Internazionale
ICEI - Istituto Cooperazione Economica Internazionale
Condividi questo progetto

Perché c’è bisogno di prevenire il discorso d’odio? Perché le dinamiche comunicative influenzano il modo in cui ci relazioniamo con gli altri e perché le parole possono ferirci. Grazie a te potremo continuare i nostri interventi educativi, attraverso la strategia Anti-rumours. Cos’é? E’ una metodologia specifica, elaborata dal Consiglio d’Europa. Fare Anti-rumours non significa criminalizzare o puntare il dito contro chi utilizza forme di comunicazione potenzialmente offensive, perché TUTTI siamo portatori di rumours e perché stereotipi e pregiudizi influenzano la vita di ognuno di noi. Allo stesso tempo, però, TUTTI possiamo esserne vittime.

Educhiamoci alla diversità e al rispetto dell’altro, mettiamo al centro le PERSONE!

Abbiamo realizzato percorsi Anti-rumours in ambito educativo da nord a sud Italia, coinvolgendo gli insegnanti, il personale dei Comuni, gli studenti e le loro famiglie. Siamo andati a caccia di pregiudizi e abbiamo provato a liberarcene usando la creatività!

Soprattutto in questo momento storico in cui il linguaggio violento, offensivo e spregiudicato è spesso “normalizzato” perfino nella sfera pubblica, noi vogliamo coinvolgere quante più persone possibili per riflettere sull’effetto che stereotipi e pregiudizi hanno su di noi e sul modo in cui influenzano la nostra relazione con gli altri.

Fare Anti-rumours significa intervenire alla base della piramide dell’odio, laddove si annidano falsi miti, pettegolezzi e dicerie che possono sembrare quasi inoffensivi, ma non lo sono affatto!, perché sono l’anticamera del pregiudizio e possono alterare la nostra percezione del mondo, causando discriminazione.

Unisciti a noi e diventa un agente Anti-rumours!