Basket e integrazione: seconde generazioni a canestro, aspettando lo ius soli

Categoria: Inclusione sociale
creato da Tam Tam Basketball A.S.D.
Tam Tam Basketball A.S.D.
Condividi questo progetto

IL CONTESTO

Castel Volturno ha la più alta incidenza di abitanti extracomunitari, quasi tutti di origine africana. Secondo i dati ufficiali (Istat, Comune di Castel Volturno) su circa 26.000 residenti, circa 5.000 non sono cittadini di paesi membri dell’Unione Europea.

Secondo ricerche condotte da diverse Organizzazioni Non Governative si ritiene che sul territorio siano presenti oltre 20.000 persone stabilitesi in modo irregolare (clandestini, richiedenti asilo con esito negativo, persone che non hanno ottenuto il rinnovo dei propri permessi, ecc.). A causa di molteplici ragioni, queste persone si trovano in un contesto di marginalità sociale, caratterizzato da povertà estrema, sfruttamento lavorativo, criminalità organizzata che opera nel traffico e nella schiavitù di esseri umani.

BASKET SOCIALE: UNA STRADA PER L’INTEGRAZIONE

Scuola, famiglia e sport rappresentano i tre pilastri fondamentali dell’educazione e, spesso, dove non riescono i primi due, lo sport costituisce un valore aggiunto di grande importanza. Tam Tam Basketball A.S.D. nasce nel 2016 dalla passione per la pallacanestro di Massimo Antonelli, ex cestista di serie A e Campione d’Italia che – al termine di una brillante carriera agonistica – ha deciso di dedicarsi a quella che gli americani chiamano “Giving Back Philosophy” ossia il desiderio di restituire qualcosa alla comunità (quella del basket) che li ha cresciuti e formati.

Tam Tam Basketball opera a Castel Volturno e si rivolge proprio alle seconde generazioni di migranti di Castel Volturno, ragazzi che, a causa dell’indigenza dei genitori, non avrebbero mai avuto l’opportunità di praticare uno sport.

L’attività di Tam Tam Basketball è totalmente gratuita e senza scopo di lucro. Grazie alla determinazione di Antonelli, sotto il nome di “Tam Tam Basketball” è stata emanata anche una norma, inserita nella Legge di Bilancio del 2017, che consente a tutti i figli di stranieri, capaci di dimostrare la propria frequenza nella scuola italiana, di praticare in Italia qualsiasi tipo di sport senza alcuna limitazione. Ne beneficiano circa 800mila minori.

Tam Tam investe il 90% delle proprie risorse per garantire ai 50 ragazzi e ragazze iscritti (tutti con un’età compresa tra gli 11 e i 17 anni) la possibilità di allenarsi e partecipare ai Campionati e ai Tornei. Per garantire la loro sicurezza all’andata e al ritorno e per sopperire all’impossibilità dei genitori di andare a prendere i figli dopo gli allenamenti (che terminano alle 20.30), l’Associazione ha anche sostenuto l’acquisto di un minibus, offrendo alle famiglie un servizio aggiuntivo: le case dei ragazzi si trovano in un raggio di 15 chilometri dal Palazzetto. Tam tam offre inoltre, gratuitamente e in caso di necessità, assistenza psicologica individuale e di gruppo.