Il circolo del the

Categoria: Inclusione sociale
creato da Associazione Le Ali - Familiari e Amici Diversamente Abili
Associazione Le Ali - Familiari e Amici Diversamente Abili
creato da
Associazione Le Ali - Familiari e Amici Diversamente Abili
Vai al sito web
Condividi questo progetto

COS’E’?

Un pomeriggio tra amici che di fronte ad una tazza di the fumante si scambiano storie e sensazioni per conoscersi meglio e condividere un pò di dolcezza

COME FUNZIONA?

Tutti i martedì e tutti i giovedì dalle 17 alle 18 presso i bar, le associazioni, i condomini, le famiglie di Bussero (un paese in provincia di Milano), un gruppetto formato ogni volta da 4 adulti con disabilità, due educatori, 3 volontari, assaporano la gioia di stare insieme e incontrare gli altri. Due volte all’anno il the si prende in una gita che dura un giorno intero. In totale sono coinvolti 12 adulti con disabilità e le loro famiglie, 6 volontari, 2 educatrici e 1 psicologa. I destinatari indiretti sono i bar ospitanti, le associazioni e le famiglie che aprono le loro porte al “circolo”.

DA QUANDO?

La prima annualità è stata nel 2013 e da allora il progetto si è evoluto e si ripete per il settimo anno. Inizialmente erano coinvolte solo le famiglie dei partecipanti, poi abbiamo chiesto ospitalità alle associazioni e ai bar. Le novità di quest’anno sono il tè dalla parrucchiera e presso una bocciofila. E’ piaciuto molto e si ripeterà in primavera il the presso l’ingresso di un condominio. Vogliamo che sia evidente che l’obiettivo del progetto sia quello di creare una nuova cultura territoriale della disabilità, vincendo l’esclusione.

COME E’ NATO?

Il papà di un ragazzo di 30 anni ci ha svelato che un suo grande cruccio era quello di non rispondere mai al citofono a qualcuno che chiedesse di uscire con il figlio. La sofferenza era nata nel periodo adolescenziale del ragazzo e continuava. Con il circolo del the gli operatori e i volontari creano il gruppo dei ragazzi coinvolti per il pomeriggio andando proprio a citofonare di casa in casa e raggiungendo il punto di ritrovo a piedi, passeggiando per le vie del paese. I bar accessibili di Bussero, le famiglie, le associazioni ospitanti ricevono un adesivo come riconoscimento di “luogo amico del circolo del the” da esporre per creare curiosità in chi lo vede, per lasciare il segno del progetto e per creare una vera educazione sociale