fbpx

LA COSTRUZIONE DI UN SOGNO

Categoria: Inclusione sociale
creato da DUMIA SCS ONLUS

337 VOTI

DUMIA SCS ONLUS
Condividi questo progetto

La Cooperativa Sociale “Dumia”(dall’ebraico, Casa del Silenzio) nasce nel 1989, come comunità per persone con problemi di tossicodipendenza, da sempre attenta al rinserimento sociale attraverso il lavoro, da circa 3 anni ha iniziato ad occuparsi di agricoltura sociale, con lo scopo di costruire dei percorsi riabilitativi per gli utenti della Comunità e per soggetti svantaggiati del territorio.

Abbiamo da subito creduto nell’agricoltura biologica in quanto più rispettosa dell’ambiente e più sostenibile, possiamo in questo modo insegnare ai nostri ragazzi che è possibile produrre il giusto senza depredare, che la terra va nutrita e rispettata, che la natura ha i suoi tempi e siamo noi a doverci adattare a lei, che non tutti gli insetti sono nostri nemici, che molti di loro ci aiutano nel nostro lavoro, ed è importante conoscerli e rispettarli.

Nel 2016, credendo fortemente nell’impatto benefico di questo tipo di ergoterapia (terapia del lavoro) nei nostri ragazzi, abbiamo deciso di intraprendere il progetto “COSTRUZIONE DI UN SOGNO” per diventare una delle Fattoria Sociale del Veneto, ed abbiamo raggiunto l’iscrizione all’albo regionale delle fattorie sociali ad aprile 2019. La Fattoria ospita tirocini per persone svantaggiate, tossicodipendenti, ex detenuti, ragazzi con problemi psichiatrici. 

Nel 2020 sono inserite in Fattoria circa 10 persone con percorsi di inserimento lavorativo e alternanza scuola – lavoro che insieme agli utenti della comunità terapeutica coltivano la terra. In Fattoria hanno l’opportunità di riprendere in mano la propria vita, prendersi cura della terra e degli esseri viventi che la abitano, ritrovare dignità nel lavoro più antico e utile del mondo.

Abbiamo visto i nostri ragazzi, crescere, acquisire competenze. Il rapporto con la natura e le sue necessità, gli imprevisti che giornalmente accadono, il mal tempo, la siccità, gli animali selvatici che rovinano le colture, il rispetto del tempo necessario per vedere i risultati del proprio lavoro sono una palestra per aumentare la capacità di sopportare “le cose della vita”.