LA SECONDA VITA DEI POLMONI MALATI: ADOTTALI PER LA RICERCA FFC

Categoria: Salute e ricerca
creato da Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica - onlus
Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica - onlus
Condividi questo progetto

In occasione di questo #GivingTuesday 2019, facciamo appello alla vostra generosità per finanziare questo fondamentale servizio a disposizione dei ricercatori del network di Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica (FFC): una banca di colture cellulari di singoli malati su cui sperimentare nuove terapie personalizzate.

La fibrosi cistica è una malattia genetica multiorgano, che aggredisce in particolare i polmoni e il pancreas, deteriorando progressivamente l’apparato respiratorio e digerente. In particolare, è il danno polmonare che causa infine l’impossibilità di respirare. In Italia, il 47,6% dei malati FC è rappresentato da ragazze e ragazzi che hanno meno di 18 anni (dato fornito dal Registro Italiano Fibrosi Cistica, 2016) e la speranza di vita media è di soli 40 anni.

La malattia a oggi non ha una cura risolutiva, e solo la ricerca scientifica può dare speranza ai giovani pazienti.

Il progetto “Colture Primarie” permette di svolgere importanti test direttamente su colture cellulari ottenute da epitelio bronchiale. Queste colture derivano per lo più da polmoni malati tolti a soggetti che vanno incontro a trapianto polmonare per insufficienza respiratoria da fibrosi cistica. Le cellule coltivate consentono di rendere più efficienti gli studi mirati a cure innovative dal momento che esprimono, come nel soggetto vivente, le caratteristiche funzionali normali o rese anomale dalla malattia. Nel caso di cellule bronchiali primarie da soggetto malato di fibrosi cistica, rappresentano per il ricercatore una fonte preziosa, accessibile e di lunghissima durata per indagare la risposta personale di quel soggetto a prove sperimentali o a farmaci.

Il progetto ha una durata di 2 anni e coinvolge numerose importanti realtà ospedaliere e di ricerca quali l’Istituto G. Gaslini di Genova, il TIGEM di Pozzuoli (NA), i Centri di Trapianto di Padova e di Milano.