LOMBRICULTURA 0.1

Categoria: Ambiente
creato da La Fabbrica di Olinda Società Cooperativa Sociale Onlus
La Fabbrica di Olinda Società Cooperativa Sociale Onlus
Condividi questo progetto

Vogliamo costruire e avviare il primo autocompostaggio con lombrichi nel parco dell’ex Paolo Pini a Milano per smaltire i rifiuti organici vegetali del Ristorante Pizzeria Jodok e di OstellOlinda (attività della Cooperativa Olinda che impiegano persone normodotate e svantaggiate nel campo della Salute Mentale – www.olinda.org) al fine di ridurre l’impatto ambientale, diminuire i rifiuti raccolti dall’Azienda Milanese Servizi Ambientali e migliorare la gestione dei rifiuti nel parco. Il processo di implementazione viene gestito in raccordo con le istituzioni proprietarie e le altre associazioni presenti nel parco.

La lombricoltura è un metodo pratico, semplice e alla portata di tutti che permette di trasformare i rifiuti di natura organica in terriccio con un processo ecologico, naturale al 100% e del tutto gratuito. Attraverso l’instancabile opera del lombrico – “lo spazzino del mondo” che si alimenta di tutto ciò che marcisce – si accelera la trasformazione degli scarti che vengono arricchiti dai suoi succhi gastrici e resi inodore. Il risultato è un humus utilizzabile in proprio e/o vendibile come concime naturale per coltivazione di piante. Questo humus è il miglior fertilizzante in natura ed è utilizzato in diverse tecniche agronomiche sostenibili come la permacultura, la biodinamica, l’agricoltura biologica.

In un secondo tempo diffonderemo l’autocompostaggio ai servizi presenti nel parco dell’ex Paolo Pini. In particolare alle Comunità Protette Psichiatriche dove è possibile avviare attività formative per utenti ed operatori, finalizzate all’autogestione di piccoli lombricompostaggi dei propri rifiuti organici vegetali. Con lo stesso processo formativo può essere in parallelo diffuso alle associazioni e famiglie dei territori circostanti.

Vendendo l’humus prodotto, i lombrichi, piccole lombricompostiere da balcone  e organizzando incontri formativi per insegnarne la gestione è possibile diffondere la pratica e creare una start-up ecologico-sociale capace di impiegare in prospettiva due persone part-time di cui una svantaggiata.

Promuoveremo lo stesso modello in altri parchi della città in raccordo con Lega Ambiente, il Comune di Milano, le associazioni e le scuole del quartiere.

Il contributo raccolto finanzierà l’acquisto del materiale per la costruzione della prima lombricompostiera e dei primi lombrichi per l’avvio.