Trovo le Parole

Categoria: Inclusione sociale
creato da CIES Onlus
CIES Onlus
Condividi questo progetto

Cosa c’è di più importante del saper parlare la lingua del Paese nel quale si vive?

 

Lo vediamo tutti i giorni nel nostro Centro Giovani e Scuola d’Arte MaTeMù, dove c’è una scuola gratuita di lingua italiana per stranieri che si chiama (non a caso) “Trovo le Parole”.

 

Vediamo che le persone che si impegnano nell’apprendimento della lingua italiana saranno poi quelle che riusciranno, nel tempo, a sentirsi a casa qui. Chi invece, per vari motivi, decide o non riesce ad apprendere la lingua, avrà maggiori difficoltà a compiere con successo il proprio percorso di inclusione.

 

La forza straordinaria di MaTeMù sta nel suo contesto interdisciplinare. Una lingua si impara non soltanto lavorando sulla grammatica e sulla forma ma anche e soprattutto curando la motivazione e gli aspetti più affettivi. Si impara mettendola in pratica, utilizzandola. Le nostre classi di italiano sono immerse in questo clima: si utilizza l’arte per parlare, per raccontare storie, per incoraggiare l’espressività. Quest’ultima è fondamentale per stimolare la motivazione delle persone. Senza motivazione non c’è apprendimento e se una persona desidera esprimersi…è motivata a cercare le parole per farlo!

 

Ed è questo che rende Trovo le Parole una scuola di italiano diversa da tutte le altre.

 

Ce lo ha confermato Scarlett, con uno splendido fumetto che potete vedere qui. Ce lo ha ribadito Shn (per noi Sherlyn), che ha definito MaTeMù la “scuola della diversità”. Ce lo hanno detto Houssem, Moustapha e Ayub e i tanti altri studenti per i quali la scuola Trovo le Parole significa un cambiamento e, soprattutto, un’opportunità.

 

Dobbiamo aiutare le ragazze e i ragazzi ad avere più fiducia in sé stessi, a riconoscere che con la fatica e il sacrificio si raggiungono obiettivi impensabili.

 

Ma senza la paura di non saper trovare le giuste parole per esprimersi.

 

È per questo che gli studenti hanno bisogno del tuo aiuto: fai in modo che sotto il loro albero di Natale ci siano le parole che gli servono!

 

Anche la scuola di italiano di MaTeMù, come tutte le altre attività, è gratuita ma di alta qualità. Nei vari corsi durante l’anno c’è bisogno del materiale di cancelleria, dei libri di testo e degli altri materiali didattici idonei. Ma anche di laboratori specifici per l’arricchimento lessicale. E abbiamo un piccolo sogno nel cassetto: creare una libreria di testi della letteratura e narrativa italiana “semplificati” per chi sta ancora imparando la nostra lingua.

 

Un caro saluto e, a nome di tutti gli studenti come Scarlett e tutti gli altri che riceveranno il tuo regalo, grazie di cuore!