Vinciamo Insieme le Disuguaglianze di Genere!

Categoria: Inclusione sociale
creato da Fondazione ACRA
Fondazione ACRA
Condividi questo progetto

“Se faccio questo lavoro è per la comunità. Non è solo per me, né per i miei genitori o per i miei figli, ma per l’intera comunità…Ci sono difficoltà specifiche per donne e ragazze: violenza sessuale, matrimoni forzati, matrimoni precoci. All’interno del campo rifugiati, accade ancora molto spesso, nonostante i nostri sforzi…”.

Chimene, rifugiata dalla Repubblica Centrafricana nel campo di Dosseye, lavora con ACRA per sensibilizzare giovani e famiglie sull’importanza dell’istruzione e dell’ educazione per il superamento delle disuguaglianze di genere e delle difficoltà che donne e bambine vivono ogni giorno.

Il Ciad è un paese dell’Africa centrale dove i diritti delle donne sono tutt’altro che garantiti. La discriminazione tra donne e uomini rimane uno dei principali ostacoli allo sviluppo umano. La dimensione culturale e il peso delle tradizioni, in particolare per quanto riguarda il sud del paese, hanno un forte impatto sulla vita delle donne e la partecipazione al processo decisionale nella vita familiare e pubblica rimane molto bassa.

Il progetto ha l’obiettivo di mobilitare la società per un cambiamento di comportamento, di visione e di percezione nei confronti dei diritti delle donne e della parità di genere, rinforzando anche il ruolo delle organizzazioni della società civile in Ciad, attraverso attività di formazione, sostegno e sensibilizzazione.

Si prevede il coinvolgimento di 128 Organizzazioni della società civile, 17.800 beneficiari diretti e 4.013.710 beneficiari indiretti, di cui 2.013.966 donne.

ACRA è un’organizzazione non governativa, laica e indipendente, fondata a Milano nel 1968 e impegnata da oltre cinquant’anni nel contrasto delle povertà attraverso soluzioni sostenibili, innovative e partecipate.  ACRA lavora insieme alle comunità locali in Africa, Asia e America Latina per garantire il diritto d’accesso a cibo, acqua, educazione, energia e per la protezione e tutela dell’ambiente. In Europa e in Italia promuove una cultura di dialogo e integrazione, scambio interculturale e solidarietà. Organizza attività educative per le scuole e per la promozione di modelli agricoli e di pratiche di consumo sostenibili.